andrea meccia a cava de' tirreni

[SAVE THE DATE] 21 aprile 2015 Andrea Meccia a Cava de’ Tirreni

andrea meccia a cava de' tirreni

Quando e dove

Si terrà il 21 aprile alle 18.30 presso la Mediateca Marte di Cava de’ Tirreni la presentazione del libro “Mediamafia – Cosa Nostra fra cinema e tv” del giovanissimo Andrea Meccia (Di Girolamo Editore).

L’evento è a cura dall’Associazione Giornalisti Cava – Costa D’Amalfi “Lucio Barone” in sinergia con Mediateca Marte di Cava de’ Tirreni.

Il contenuto

Nell’epoca dei social media, dove ogni messaggio è appunto mediato dai canali di comunicazione e la spettacolarizzazione e la condivisione sono atti imprescindibili del vissuto quotidiano, Meccia scrive Mediamafia, Cosa Nostra fra cinema e tv, attraversando le terre dei linguaggi mediali quali appunto il grande e il piccolo schermo, che non sono più solo lo sfondo della narrazione: diventano un vero e proprio luogo di confronto e di conoscenza. Il libro nasce da due libri collettivi, Strozzateci Tutti e Novantadue. L’anno che cambiò l’Italia, curati da Marcello Ravveduto dell’Università degli Studi di Salerno.

Perché il libro è diverso

Il libro indaga i vari aspetti del rapporto tra la rappresentazione mediale e i fenomeni criminali: «I fenomeni mafiosi erano stati raccontati in mille modi in letteratura e in saggistica ma nessuno aveva mai raccontato la relazione tra questi e il cinema e la televisione,» racconta Meccia, specificando che non si occupa di mafia, lui, ma solo dei linguaggio dei media con cui questa viene raccontata, fornendo uno strumento chiave per semplificare la lettura di questo argomento «ardente», raccomandando «da un lato, di non aderire all’estrema spettacolarizzazione di quello che avviene sullo schermo e dall’altro, di non rifuggirne ma alfabetizzarci per avere maggiore consapevolezza di quelle che sono le esigenze di spettacolo e narrative e di quelli che sono i contesti in cui queste narrazioni maturano».

L’autore: Andrea Meccia

Andrea Meccia, classe 1980, è scrittore e insegnante di italiano per stranieri. Si occupa di formazione e di media education. Ha lavorato nel mondo della produzione cinematografica e pubblicitaria. Collabora con Repubblica.It (sezione Inchieste). E’ tra gli autori di Strozzateci Tutti (Aliberti, 2010) e Novantadue. L’anno che cambiò l’Italia (Castelvecchi, 2012).

Le mafie uccidono senza rispettare alcun codice d’onore.

Le mafie negano i diritti, rafforzano i privilegi e uccidono le libertà civili.

Le mafie sono nemiche della cittadinanza perché sono alla continua ricerca di sudditi obbedienti. Le mafie creano cultura.

Le mafie ci rubano le parole.

(A. Meccia)

 

Leave a comment